Vetrine a tema: l’immagine del salone come valore per la rivendita

Avete appena svuotato le vetrine di Halloween, che già state pensando a come allestire quelle natalizie?!?

Bisognerebbe possedere nozioni di arte, architettura, sceneggiatura e anche un po’ di psicologia per disporre al meglio oggetti, colori e prodotti!

La vetrina è come una piccola finestra del negozio che deve accordarsi con l’identità del suo interno, ma soprattutto invogliare la propria clientela e quella potenziale (ogni passante potrebbe essere un nuovo cliente) ad entrare in salone.

Il consumatore finale è sempre più esigente e meno fedele, l’immagine s’impone come  valore assoluto per la rivendita.Hello!

Il Natale è la festa per eccellenza e, come tale, va sfruttata anche per dare il massimo risalto agli articoli da esporre: non dimenticate che le strade sono piene di passanti in cerca di regali e  potrebbero essere incuriositi dalla vostra esposizione.

E anche i vostri stessi clienti, abituati a dare uno sguardo alla vetrina prima di entrare, potrebbero comprare il regalo dell’ultimo minuto proprio da voi.

Attraete l’attenzione sul vostro negozio e accendete il desiderio di qualche nuovo acquirente. 

Il rischio, come in ogni festività, è quello di incappare nelle banalità, nel già visto, negli stereotipi.

Un dettaglio forte, un colore predominante e l’essenzialità sono gli elementi fondamentali per creare una bella vetrina con grande efficacia.

Attenzione alle vetrine intorno a voi, osservatele: sia per trovare spunti, sia per evitare inconsapevolmente doppioni.

Perché non proporre ai commercianti vicini un’idea comune per tutta la vostra via? Vi è mai capitato di percorrere un viale con le stesse illuminarie natalizie per tutti i negozi? Non vi è sembrato più accogliente? I passanti, ancora più incuriositi dal fil rouge che vi accomuna, guarderanno con attenzione tutte le vetrine per scoprire cosa ha fatto l’uno piuttosto che l’altro.

vetrine gambe stupire

Ma dove si posiziona lo sguardo (e quindi l’interesse) quando osserviamo una vetrina?

Il punto focale, e perciò la chiave sulla quale si può costruire l’allestimento, corrisponde alla parte centrale, ad un’altezza di circa 1,5m con circa 80cm di diametro visivo: per intenderci, il cerchio collocato centralmente ad altezza occhi. Ecco dove posizionare i prodotti su cui NOI scegliamo di direzionare l’interesse.

L’occhio umano è abituato ad muoversi da sinistra a destra, quindi partite col definire cosa mettere al centro dello spazio espositivo all’altezza degli occhi di chi guarda e pian piano procedete con il resto dell’esposizione a destra e di nuovo a sinistra dall’altro lato.

punto focale vetrina

Non disperdete la merce in vetrina: è buona norma creare dei gruppi perché siano più di impatto rafforzando l’immagine dei ciascun prodotto esposto.

L’obiettivo è stupire creando qualcosa di unico che non passi inosservato (e che sia una fonte di potenziali nuovi clienti).

Parole d’ordine:

– che rispecchi chi siete e cosa offrite;

– che non sia caotica (nei colori, nell’accumulo dei prodotti, nel disordine): una vetrina sovraffollata può NON essere in armonia con l’immagine chic del vostro Brand;

– ricordate di esporre i prezzi (obbligatorio per legge). Magari non su post-it colorati, ma se avete una bella grafia, su listini scritti a mano, semplici ed ordinati;

– illuminazione: orientate bene la luce interna per dare l’adeguata importanza ai prodotti in esposizione, è funzionale ad attirare l’attenzione di chi passa;

– ps. non appoggiate i prodotti a terra (toglie loro valore). Perché non sbizzarrirsi piuttosto nel riciclo creativo colorando, tappezzando, impreziosendo vecchi scatoloni, cassette della frutta, confezioni del vino su cui appoggiarli?

Qui alcune idee da copiare (non solo natalizie):

http://www.thewindowshopper.co.uk/

http://retaildesignblog.net/

Via libera alla creatività quindi, che vi possa rendere originali e distinguibili!

[Ad un parrucchiere non manca certo la fantasia]

 

Questa voce è stata pubblicata in Consigli Pratici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.